Mitteleuropa 1/2020

Spesso mi sento chiedere quale sentimento mi abbia spinto, per tanti anni della mia vita, a lottare per un’idea, un mondo, un’Europa che risultava irrimediabilmente perduta. Pochi giorni fa mi è capitato di rileggere “Il crepuscolo di un mondo” di Franz Werfel, ebreo praghese di cui riportiamo qui l'introduzione. Sono delle riflessioni sulla fine della Mitteleuropa e, mi sono reso conto, che se alla parola Mitteleuropa, il mondo dei miei nonni, sostituissi la parola Europa, nulla cambierebbe con riferimento ai valori ed ai principi che loro hanno cercato d’insegnarmi. La fine di quel mondo potrebbe rappresentare la fine di quell’Europa che ognuno di noi ha ricevuto in eredità. Madre comune.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi